Welcome, visitor!

La Corte di giustizia europea condanna Francia e Lussemburgo per l’aliquota ridotta sugli ebook

La Corte di giustizia europea si è pronunciata sull’iniziativa della Francia e del Lussemburgo che dal 2012 applicano un’aliquota iva ridotta alla vendita di libri elettronici, equiparandoli ai libri cartacei.

La Commissione europea aveva denunciato i due paesi come inadempienti perché violano gli obblighi della direttiva europea sull’iva che impedisce tasse inferiori al 5 per cento sui “servizi forniti per via elettronica”. La corte ha accolto il ricorso della Commissione che perché gli ebook sono servizi e non beni materiali, come invece possono essere considerati gli ebook reader.

Nel comunicato stampa la decisione della Corte viene spiegata così:

L’aliquota iva ridotta è applicabile all’operazione consistente nel fornire un libro che si trovi su un supporto fisico. Se è vero che il libro elettronico necessita, per poter essere letto, di un supporto fisico (quale un computer), un simile supporto non è tuttavia fornito con il libro elettronico (…).

Anche l’Italia è a rischio richiamo, perché dal 1 gennaio 2015 il governo ha deciso di applicare un’aliquota iva ridotta del 4 per cento sui libri digitali.

Gli editori italiani hanno pubblicato una lettera in risposta alla decisione della corte:

Noi, rappresentanti del mondo del libro, siamo fermamente convinti che il valore di un libro non dipenda dal suo formato o dal modo in cui i lettori vi accedano. Per questo sollecitiamo la Ue ad agire rapidamente per modificare la legislazione in materia, per consentirne l’adeguamento al progresso tecnologico e per rimuovere un serio ostacolo allo sviluppo del mercato ebook.

[fonte]

>> > Link: La Corte di giustizia europea condanna Francia e Lussemburgo per l’aliquota ridotta sugli ebook < <<
Related Posts
Leave a reply